Il potere del kefir d’acqua e come prepararlo in estate! Ricetta semplice e veloce!

kefir d'acqua
fonte:http://www.mountainfeed.com/blogs/learn/17488945-getting-started-with-water-kefir-a-non-dairy-probiotic-beverage

Finalmente mi sono decisa anche io a preparare il Kefir d’acqua!

Ne avevo sempre sentito parlare ma onestamente, siccome sono una tipa “tocca e fuga” nel senso che mi piacciono le preparazioni semplici, chissà perché, ogni volta che sentivo la parola kefir mi venivano in mente lunghi procedimenti noiosi e poi mi chiedevo: ma perchè devo prendere sto kefir se già mangio tantissima frutta e verdura e sto bene?

Bè, in realtà devo dirti che ultimamente qualche problemino l’ho avuto per via dello stress accumulato che mi ha squilibrato un pò la flora intestinale…ed è stato qui che ho capito che, è vero che l‘alimentazione gioca un ruolo fondamentale perchè da quando sono vegana tendente al crudismo, in questi ultimi anni mi sarò presa qualche breve raffreddore una volta l’anno e basta…però anche la serenità mentale conta tantissimo perchè può davvero squilibrarti tutto!

Quindi qualche giorno fa mi ha chiamato Roberta, e mi ha detto che aveva dei grani di Kefir da regalarmi e lei mi ha anche spiegato che il Kefir è un ottimo toccasana per riequilibrare il microbiota (la flora intestinale, che tra l’altro, di recente hanno scoperto che è un “organo vero e proprio”!!) rafforzare le difese immunitarie perché è ricco di fermenti lattici e probiotici!

Oltre a batteri e lieviti amici, il kefir contiene molte vitamine, minerali, amminoacidi ed enzimi.

In particolare calcio, fosforo, magnesio, vitamine B2 e B12, vitamina K, vitamina A e vitamina D e triptofano, uno degli amminoacidi essenziali presente in abbondanza nel kefir, ben noto per il suo effetto rilassante sul sistema nervoso. 

Quello che mi ci voleva insomma! 😀

l kefir d’acqua poi è anche ricchissimo di enzimi e lo possono consumre anche gli intolleranti al lattosio!

In pratica è come avere un integratore naturale di probiotici, enzimi, vitamine, minerali sempre a portata di mano e a costo bassissimo!! 😀

Una cosa che mi attrae particolarmente è che può essere usato anche per evitare quell’effetto “panzone da donna incinta” che solitamente abbiamo noi vegan quando passiamo ad un’alimentazione prevalentemente crudista!

Evvai!!!

Altre patologie che possono essere curate grazie al kefir sono:

  • disturbi metabolici

  • aterosclerosi ed allergie

  • la tubercolosi

  • cancro

  • cattiva digestione

  • la candida (Potrebbe sembrarti strano che una bevanda che contiene dei lieviti sia in grado di trattare la candidosi ma è stata utile a molte persone, sia perché ristabilisce l’equilibrio della flora intestinale sia perché alcuni elementi della microflora uccidono la Candida Albicans. Non tutti i lieviti sono nocivi!)

  • osteoporosi

  • ipertensione

  • malattie di cuore

  • HIV.

Ovviamente, il kefir non è una “manna”, che cura tutta le malattie, ma si intende che inserito all’interno di un sistema alimentazione a base vegetale e integrale è in grado anche di aiutare contro queste patologie.

Ma adesso basta chiacchiere, ti faccio vedere nel video come lo preparo!

La ricetta che ho usato va bene per questo periodo estivo, perché solitamente la fermentazione del kefir va fatta a temperatura ambiente e non in frigo:

  • 1 litro d’acqua naturale pura

  • 30 grammi di zucchero di canna integrale (alcuni usano lo zucchero di cocco perchè ha indice glicemico più basso)

  • 1 frutto secco, io ho messo delle prugne secche bio

  • mezzo limone

  • 1 barattolo di vetro

Come ho fatto

  1. ho sciacquato bene il kefir sotto l’acqua corrente con un colino a maglie fitte

  2. ho riempito la brocca di vetro pulita con l’acqua e lo zucchero

  3. ho mischiato bene il tutto

  4. ho inserito i grani, il limone e la frutta secca

  5. ho lasciato il barattolo coperto con un tovagliolo di carta e un elastico per circa un’ora nella mia cucina in modo da fargli assorbire i batteri amici della mia casa ( anche l’amore sprigionato da me e Matteo! ;P)

  6. dopo un’ora ho messo il barattolo in frigo chiuso col suo coperchio di plastica non ermetico

  7. dopo 24H il kefir è pronto! l’ho scolato in una bottiglia e ce lo siamo bevuto con molto gusto!

  8. i grani rimasti, a meno che non vuoi farci altro kefir, vanno conservati in una bottiglia di un litro solo con acqua e zucchero e si mantengono  per qualche settimana

Aveva un sapore frizzantino, sembrava di bere spumante!!

 

 Cose più importanti che devi sapere:

  • usa sempre acqua pura e frutta possibilmente BIO, perchè altrimenti potrebbero svilupparsi batteri strani…:S

  • dopo 24 ore di fermentazione il kefir ha un effetto lassativo, dopo 48 ore ha un effetto astringente, quindi fallo fermentare in base alle tue esigenze! 🙂

  • ho trovato che per eliminare la pancia gonfia, vanno bevuti 2 bicchieri di kefir dopo cena. Siccome l’acqua va a diluire i succhi gastrici, e quindi a rallentare la digestione secondo me sarebbe meglio aspettare almeno un paio d’ore dopo la cena e poi berlo, oppure berlo a stomaco vuoto.

  • per ripristinare la flora batterica danneggiata (come nel mio caso) bisogna berlo a piacere nell’arco della giornata per almeno due mesi

  • la farmacista che ha dato il kefir a Roberta, la mia prima “spacciatrice di kefir,  mi ha detto di testare su me stessa perché il kefir ha diversi effetti su ognuno di noi proprio perchè ognuno ha una flora batterica diversa! 🙂

APPROFONDIMENTI:

per ulteriori approfondimenti e dubbi ti lascio il link a questi tre articoli che mi sembrano molto esaustivi:

LINK 1: Come farlo e 50 Risposte ai Dubbi più Frequenti

LINK 2: http://www.ilmiokefir.altervista.org/kefir_acqua.html

LINK 3: http://www.mednat.org/cure_natur/kefir.htm

 

Adesso mi piacerebbe sapere se anche tu fai il kefir, come lo prepari e che benefici hai notato!

Scrivimi qui sotto nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Shares