Come gestire al meglio una sana dieta crudista

ID-100134716

Sto scrivendo quest’articolo perchè molte di voi mi hanno chiesto come impostare al meglio una dieta vegan crudista.

 

Ti dico subito che sono arrivata a questo “modello” di dieta crudista, soltanto dopo aver letto un libro fantastico che consiglio a tutte voi, dal titolo “La dieta di Eva” di Aida Vittoria Eltanin. Questo testo propone infatti un tipo di dieta vegan principalmente crudista e fruttariana basata sul modello “80/10/10” del Dott. Douglas Graham, atleta da sempre e crudista dal 1978, e che è anche un allenatore di atleti di fama mondiale come la tennista Martina Navratilova. Da allora il mio percorso vegan crudista è stato tutto in discesa! 🙂

 

L’unico strumento che ti servirà, almeno all’inizio per “monitorare” la tua alimentazione (oltre a questo sito per calcolare il tuo fabbisogno calorico) sarà questo fantastico sito: Cronometer.com, che ti permetterà di creare una sorta di “diario alimentare” in cui potrai vedere per filo e per segno quanti carboidrati, proteine e grassi (e altre sostanze nutritive), stai consumando giorno per giorno. Non ti spaventare! Non è una cosa che dovrai fare per sempre ma soltanto all’inizio, quando non hai proprio la minima idea della quantità di cibo crudo da consumare. Questo strumento ti servirà essenzialmente per vedere se stai assumendo abbastanza calorie perché soprattutto all’inizio di un percorso vegan crudista si tende a mangiare di meno rispetto a quando si mangiava del cibo cotto, proprio perché il cibo crudo sazia prima e di più. Qui non si tratta di restringere le calorie ma di aumentarle! Prepariamoci a sbafare allora! 🙂

 

Primo step: la frutta!

Allora, iniziamo subito col dire che il “carburante” principale per far funzionare al meglio le nostre cellule sono gli zuccheri semplici della frutta. Preparati dunque ad aprire il tuo stomaco a deliziosi e supersazianti frullati di frutta, oppure a lasagne di frutta, o anche a tiramisù, cheesecake, gelati e chi più ne ha più ne metta! 😀 La frutta infatti oltre ad essere l’alimento crudo più denso a livello calorico è anche:

 

  • facilmente digeribile grazie ai suoi zuccheri semplici
  • ricca di acqua, che aiuta la digestione e anche l’eliminazione delle scorie
  • ricca di vitamine e nutrienti
  • è ricca di fibre, indispensabili per la digestione, il senso di sazietà e l’eliminazione delle tossine
  • piace a tutti, perché i colori e gli aromi della frutta mettono allegria e danno piacevolissime sensazioni anche alla vista! 🙂

 

La frutta e i carboidrati integrali in generale devono quindi arrivare a coprire circa l’80 % della tua alimentazione. Se non sai come fare vai su Cronometer.com, registra nella sezione “Profile” i tuoi dati con peso, altezza e una volta stabilito il tuo fabbisogno calorico che di solito per noi donne è di circa 2000 calorie al giorno, sempre nella stessa sezione in alto a destra, nel campo “Macronutrient Ratio Targets”, imposta dal menù a tendina la voce “LFRV 30bananasaday.com”. Poi ritorna a “diary” dove inizierai ad inserire tramite il tasto “add food” tutta la frutta che mangi, specificando la quantità in grammi o la grandezza del frutto.

 

Se proprio fai a cazzotti con l’inglese vai sul sito “Shapeupclub.com” che è un sito in italiano e inizia da lì a crearti il tuo diario alimentare. 🙂

 

Il mio consiglio, se stai cercando di migrare da una dieta vegan ad una vegan crudista è di iniziare ad inserire la frutta a colazione, quando si è a stomaco vuoto e viene assorbita al meglio. Mangiane quanta ne vuoi senza farti problemi! Ti devi sentire bella sazia! 😉

 

Secondo step: i grassi.

L’errore più comune che si tende a commettere all’inizio di una dieta crudista è il consumo eccessivo di grassi. Non dirmi che non hai mai assaggiato una cremosissima “cheesecake raw” o una pizza crudista perchè non ci crederei! ;P

 

Non sto dicendo che da ora in poi non dovrai più mangiare queste prelibatezze, ma soltanto che queste “delizie grasse” non andrebbero consumate giornalmente proprio perché troppo ricche di grassi, che seppur crudi, sono sempre grassi!

 

Il grasso infatti, di qualunque origine esso sia, presenta dei problemi:

 

  • interferisce col metabolismo degli zuccheri e può quindi dar luogo a iperglicemia e candida
  • interferisce col trasporto dell’ossigeno, favorendo la formazione di cellule cancerose che sguazzano felicemente in un corpo male ossigenato
  • da luogo a malattie come l’arteriosclerosi, il cancro al seno, malattie cardiache…

 

A questo punto ti starai chiedendo quanto grasso consumare. Ti dico subito che mantenersi sul 10% delle calorie totali sarebbe l’ideale; più o meno corrispondono a circa 30 grammi di noci e semini.

Di solito i grassi è meglio consumarli la sera a cena, magari nell’insalata, poiché essendo più lenti da digerire, è meglio riservarli in questo momento della giornata in cui poi li digeriremo durante il pisolino notturno. 🙂

Ricordati poi che anche la frutta contiene grassi! Non ci credi? Vai su Cronometer.com e controlla tu stessa! 🙂

P.s.: in questo video ti spiego perché è meglio non consumare l’olio d’oliva! E’ molto importante, guardalo subito: Ecco 7 buone ragioni per le quali ho deciso di non consumare più olio d’oliva!”

 

Terzo step: le proteine: In ultimo non dimenticarti delle proteine! Da dove le prende un crudista vegano le proteine? Ma da dove le prendono tutti gli animali erbivori ovviamente, ovvero dalle piante! Non ti sto chiedendo di certo di andare dal tuo vicino di casa e strappargli l’erba del prato con la scusa che devi raggiungere il tuo fabbisogno proteico giornaliero di proteine! 🙂 Quello che ti consiglio di fare è di consumare almeno 2 cespi di lattuga al giorno per coprire non solo il fabbisogno proteico ma anche per aggiungere preziosi nutrienti al tuo organismo come calcio, ferro e sodio, solo per citarne alcuni.

La verdura a foglia verde infatti è il miglior modo per assicurarsi il pieno di proteine. Puoi scegliere tra tanti tipi di verdura a foglia verde: spinaci (ottimi nei frullati verdi), lattuga, insalata lollo, crescione, indivia, rucola, e così via.

 

Lo sapevi che possono essere consumate crude anche le erbe spontanee? Il consiglio che ti do è di consumarle spesso! Sono dei veri e propri superfoods per la dieta crudista poichè sono piante che crescono in suoli non sfruttati come avviene invece per le coltivazioni più comuni.

 

Anche i germogli, soprattutto quelli di fagiolo mungo, i germogli di grano, e di lenticchie sono molto ricchi di proteine oltre ad essere una vera e propria miniera di altri minerali, enzimi, vitamine, e sostanze antiossidanti che ringiovaniscono l’organismo. Aggiungili alle tue insalate per fare il pieno di nutrienti!!

 

Se sei interessata all’argomento dei germogli e vuoi sapere come produrli direttamente a casa tua, fammelo sapere nei commenti e tratteremo l’argomento nel prossimo articolo

 

Puoi inoltre consumare anche cavolfiori, broccoli, peperoni, pomodori, zucchine…

 

Riassumendo:

Fai della frutta la base della tua alimentazione, limita i grassi e le proteine!

 

All’inizio non sarà facile far entrare nel tuo stomaco tanta frutta, ma vedrai che pian piano si allargherà e potrai mangiare anche 10 banane tutte insieme! 🙂

 

Se hai altri dubbi o domande, chiedi pure, commentando qui sotto!

 

P.S. Anche tu sei stanca di avere la pelle a buccia d’arancia? Allora ti consiglio di scaricare subito il mio report gratuito in PDF: “Addio Cellulite!” In questo report scoprirai come liberarti della cellulite attraverso la dieta “vegan crudista”!

Scaricalo subito cliccando qui sopra!

73 commenti su “Come gestire al meglio una sana dieta crudista”

  1. Scusa se mi permetto a fare una critica, il sito è troppo impostato al femminile…Puo’ anche un maschio seguire l’ alimentazione vegan e crudista?
    Comunque complimenti, e solamente un’ osservazione, pensa che ho anch’ io un sito internet ma ci sono dietro da un paio di mesi e non trovo mai il tempo di aggiungere i contenuti e modificarlo a dovere…
    Buone cose e vivi saluti

    1. Ciao Alberto! ma certo che anche gli uomini possono seguire un’alimentazione vegan crudista! Più siamo, meglio è! 🙂
      Anzi, sono felicissima che tu voglia iniziare questo percorso, che come dico sempre, non è solo un percorso alimentare, ma anche e soprattutto di vita! 🙂
      Passa a trovarmi quando vuoi! 🙂

  2. ciao.mi è stata riscontrata unan candidosi intestinale.con la dieta crudista potrei risolvere il problema? se si come faccio a sapere come fare?a chi rivolgermi? grazie

    1. Ciao Silvana! che tipo di alimentzione segui? prendi farmaci? se si ti consiglio di leggere le tesine del dott. Vaccaro in merito: 1)http://valdovaccaro.blogspot.it/2010/03/la-candida-e-il-pressappochismo.html
      2)http://valdovaccaro.blogspot.it/2010/02/una-inestricabile-candida.html
      3)http://valdovaccaro.blogspot.it/2012/11/candida-irritabilita-depressione-e-50.html
      ma ce ne sono tante altre che possono aiutarti a risolvere il tuo problema…
      La dieta vegan crudista potrà sicuramente aiutarti ad eliminare la candida che molto spesso è causata da cattive abitudini alimentari…

  3. Ciao Georgia. Complimenti per la semplicità e nel contempo la logica con la quale hai impostato ciò che ho letto sul tuo sito. Ora un quesito: visto che ho difficoltà a reperire vegetali e frutta biologica, come fare a lavare il materiale da mangiare crudo. Penso che il problema dell’igiene batterica sia importante visto che gli alimenti non saranno “sterilizzati” con la cottura. Lo stesso dicasi per il problema dei tanti prodotti chimici residui che possono inquinare il cibo crudista. Il lavaggio con candeggina non penso possa essere un rimedio valido. Non so se possa bastare quello con l’ausilio del bicarbonato di sodio. Non riesco a trovare nulla su questo, a mio avviso, importante argomento.

    1. Ciao Giovanni!
      innanzitutto ti ringrazio per le tue parole gentili..
      parlando strettamente di eliminazione dei residui chimici sulla buccia, è sufficiente lasciare a mollo gli ortaggi 5/10 minuti in acqua, bicarbonato e limone…
      è vero che la cottura sterilizza ma è altrettanto vero che sterilizzando provoca la morte degli alimenti, di conseguenza preferisco mangiare un cibo magari non super biologico ma almeno vivo..:)
      per quanto riguarda la questione più generale ma secondo me fondamentale sui cibi biologici e non biologici ti consiglio di leggere questo articolo di Vaccaro illuminante, a mio avviso, su questo argomento:http://valdovaccaro.blogspot.it/2009/08/il-falso-problema-del-cibo-biologico.html
      La tranquillità d’animo e la serenità mentale anche quando mangi non bio sono essenziali secondo me e ti confesso che anche io ci sto lavorando parecchio! Tra l’altro nel documentario del dott Campbell, medico ed autore del libro che secondo il mio modesto parere, ognuno di noi dovrebbe leggere, il China study, si dice che il nostro corpo, anche quando ingeriamo frutta e verdura “contaminate” è capace di ridurre al minimo i rischi poichè la capacità dei cibi vegetali di curare l’organismo è più potente dell’azione dei prodotti chimici presenti in essi. ti allego il link a questo documentario fantastico: http://www.tvanimalista.info/video/salute/equilibrio-delicato/
      Un caro saluto!

      1. Ciao Georgia,
        qiuindi anche tu spesso compri frutta e verdura non bio o come consigliato da Vaccaro alcuni tipi di frutta magari dal bio ed altri anche dal supermercato?
        Grazie

        1. Ciao Roberta, di solito banane a frutta tropicale le prendo al super mentre le altre frutte ai mercatini..ma MAI nei negozi bio perchè hanno prezzi improponibili…

  4. Buonasera….o buongiorno….
    Ogni cosa che facciamo ha tanti aspetti interessanti se sappiamo guardare dentro le cose. Ho letto un libro scritto da un un espento che, dati alla mano, concludeva sulla quasi equivalenza tra prodotti vegetali bio e non. Ma questa è letteratura, la realtà è ciò che riusciamo a trovare nel nostro quotidiano. Più di una volta ho assaggiato carote non bio più saporite di quelle biologiche. A mio avviso il vero discriminante della qualità è il sapore, argomento sul quale sto studiando. Per il lavaggio resto scettico, oltre all’immersione nell’acqua e bicarbonato uso anche spazzolare. Prova a guardare la superfice di una mela prima e dopo un’energica spazzolata sotto acqua corrente. Aggiungere limone può essere interessante, ma mi piange il cuore sprecare il buon succo di questo frutto. Mi domando se qualcuno si è preso la briga di verificare, scientificatamente, cosa c’è sulla superfice dei vegetali che mangiamo e cosa resta dopo il lavaggio eseguito in diverse modalità. Comunque anche io sono arrivato alla conclusione che è meglio scegliere di nutrirsi con alimenti vegetali crudi.
    Buon approfondimento di tutto ciò che ti interessa Georgia.

  5. Buongiorno Giorgia, ti seguo con piacere, sono una NATUROPATA che ha sposato l’igienismo, da quello che scrivi capisco che anche tu ti stai orientando in quel senso. La cosa mi fa molto piacere naturalmente, diffondere e far conoscere il più possibile è quello che cerco di fare da quando ho la mia pagina Curiamoci mangiando. Sono VEGANA tendenzialmente crudista in inverno, in estate quasi totalmente fruttariana. Vienimi a trovare nella pagina, ti saluto e buon proseguimento….❤️Daniela.

  6. Ciao mi piace tantissimo come scrivi e come spieghi le cose… io sono all’inizio ma alla sera ancora mangio cotto 🙁 il mio problema è che devo perdere anche peso! le calorie devono rimanere invariate anche con l’alimentazione crudista? e se si segue ancora un’alimentazione 80 x 100 crudo e alla sera cotto?
    ti prego aiutami, leggo e tutti dicono tutto e il contrario di tutto ma io mi fido di te!
    buon lavoro, sei grande 🙂

    1. Ciao Annalisa, sei gentilissima, davvero! 😀
      vai tranquilla anche io mangio cotto alla sera, l’importante è rimpinzarsi di frutta e verdura crude durante il giorno! 🙂
      per il cotto della sera ricordati che è preferibile che sia vegano, a base di carboidrati integrali e senza glutine, con pochi grassi e poco sale e stai serena che se d’inverno tendiamo a prendere un pò di peso è assolutamente normale e ci rifaremo non appena arriverà la primavera!
      Un grosso in bocca al lupo per il tuo percorso, ti aspetto ancora sul blog! 🙂

  7. ciao giorgia e complimenti per questa bella iniziativa. Vado subito al dunque: nel giro di due anni ho messo su parecchio peso ed ora vorrei tornare in forma, credi che con una dieta tipo crudista( ladieta di eva) possa ottenere buoni risultati ? grazie per tutto

        1. ok allora già sei ad un ottimo punto. oltre ai consigli che già ti da la magnifica eva puoi seguire anche i miei che trovi nell’ebook gratuito “addio cellulite” non so se l’hai già scaricato…come tutti i metodi naturali ci vuole tempo! abbi fiducia nel tuo corpo e nella frutta e nella verdura! 🙂

  8. Grazie per le informazioni preziose che mi hai dato. Ho iniziato ad integrare la mia dieta con i germogli, ma solo poche qualità mi riescono bene : il fagiolo mungo, la lenticchia, mentre altri germogli più mucillosi non riesco a farli venire ad esempio la rucola.
    Accetto consigli in merito, forse sbaglio qualcosa io nei vari passaggi.
    A presto.
    Sabrina

  9. Ciao Georgia. Ti seguo da pochi mesi e grazie a posso già vedere e sentire dei gran risultati.
    Ho letto la dieta di eva, the China Study e “The 80/10/10 Diet” (purtroppo solo in inglese). Mi aiutano tantissimo i tuoi consigli perché sono vicini alla nostra realtà e alle nostre possibilità di reperire gli ingredienti. Ho trovato utilissimo il tuo video, dove spieghi cosa mangi d’inverno. Ti seguo con piacere!
    Ti ringrazio e ti mando un caro saluto>3

    1. Laura, è bellissimo sentire anche da voi che questo tipo di alimentazione funziona alla grandissima! :DD
      In effetti il mio obiettivo è quello di rendere accessibile a tutti oltre che quest’alimentazione, proprio questo stile di vita che se applicato può dare degli enormi benefici!
      Sono contentissima della tua testimonianza!
      Torna a trovarmi!
      Un abbraccio!
      Goergia

  10. Bell’articolo!!ma non ho capito una cosa,l’insalata come la condisci? Se mangi già i semi non puoi usare l’olio altrimenti superi la quantità di grassi oppure non sei così fiscale?

  11. Ciao Georgia
    grazie per condividere con noi le tue conoscenze sul crudismo.Sono vegana e mi sto avvicinando al crudismo.Non e’ semplice,perche’ essendo mamma devo comunque occuparmi della cucina familiare.Ma devo dire che piano piano ,passo dopo passo,sto avvicinando anche la mia famiglia alla alimentazione vegan,e chissa’ un domani potrebbe essere vegan/crudista.
    Ho letto anche il tuo pdf sulla cellulite,molto utile,sono convinta che seguendo i tuoi consigli,la cellulite diventerebbe solo un ricordo.Continua cosi’ ! Alessandra.

    1. Grazie mille Alessandra!!!
      ci vuole solo un pò di pazienza, come con tutte le soluzioni naturali!
      Un abbraccio 🙂
      Georgia

  12. Ciao Georgia!!! Complimenti per il blog, davvero molto d’aiuto!! Io sono vegana da due anni e poco più e da inizio anno sto mangiando al 70/75% crudo, ma mi risulta difficile mangiare a tal punto da arrivare a 2000 calorie, infatti di solito sono sulle 1500, a volte anche meno. Ma la cosa che mi stupisce è che sto bene…o forse è ancora presto per vederne le conseguenze. Mangio durante la gg frutta e la sera una bella insalatona mista oppure un bel piattone di legumi o di patate. Sto leggendo tanto, ho appena finito Ehret e ora mi butto su Valdo. Grazie a persone come te che diffondono e istruiscono al meglio i neofiti come noi!!! 🙂 buon proseguimento!!

  13. Maria Cristina

    Ciao Georgia,
    grazie per le preziose informazioni che ogni giorno regali a chi come me sta intraprendendo questa nuova ragione di vivere rispetta e ama i nostri cari Amici animali e che ha cura del nostro benessere fisico e psichico.
    Continua così Georgia, non mollare mai.

  14. Ciao Georgia come promesso ho letto anche questo tuo articolo, anch’io ho letto un po’ di articoli del Dott. Valdo Vaccaro e un amica mi ha prestato “La dieta di Eva” infatti è diventata un po’ la mia bibbia… soprattutto per avere qualche spunto per le ricette visto che non avevo la minima idea di come fare.
    Se mi venissero dubbi ti disturberò di nuovo, per ora grazie dei tuoi consigli.
    Un saluto Marika

    1. Si la dieta di eva è anche la mia bibbia e prestandola ai miei amici alcuni sono diventati vegan quasi immediatamente!
      A presto!
      Georgia

  15. Ciao Georgia, da 7 anni sono vegetariana e sempre più spesso inserisco nella mia dieta alimenti crudi che, anche con i tuoi consigli, mangia con gusto anche mio marito. Una domanda: non riesco a trovare lo “spiralizzatore” in nessun negozio. Lo posso reperire solo su internet? C’è ne sono vari tipi e non so quale scegliere, qual’è il più pratico? Grazie Lorena

  16. Cara Georgia,
    grazie per messo in evidenza questo articolo,infatti sono proprio agli inizi ed avevo bisogno delle basi principali che mi porteranno ad un alimentazione Vegano crudista. Ho trovato il tuo articolo molto chiaro e scorrevole, sono subito corsa ad ordinare il libro.
    Un abbraccio
    Sabrina

  17. Ciao Giorgia, sei una continua scoperta per me. Ogni giorno prendo spunti dai tuoi video e dalla tue parole scritte.
    Ho un pò di confusione o meglio: sto facendo confusione riguardo agli alimenti da ingerire durante il giorno senza sforare nelle calorie. Questo perchè sono un’obesa e non vorrei incrementare il mio peso.
    L’unica cosa certa e che ho capito è che devo cambiare il mio modo di alimentarti …ecco perchè ti ringrazio con cuore per tutti i consigli che doni.
    Un abbraccio…Ambra

  18. Dimenticavo…ho iniziato questa mattina ad usare il sito che ci hai consigliato il Cronometer.com, ti terrò al corrente.
    Ho inserito la mia colazione e….:-( sembra che ho già sforato con i grassi!
    Ancora un abbraccio

    1. Ciao Ambra!
      cronometer è un ottimo modo per renderci davvero consapevoli di quello che stiamo mangiando per questo all’inizio è normale rimanere spiazzati nel vedere che magari stiamo inserendo troppi grassi o troppe proteine e pochi carboidrati nella nostra alimentazione….vai tranquilla, fai i tuoi “esperimenti” e poi mi dirai! 😀
      un abbraccio!
      Georgia

  19. Ciao Giorgia ho letto con molto interesse il tuo opuscolo “Addio cellulite”. L’ho trovato molto valido e ti ringrazio per divulgare gratuitamente le notizie che aiutano le persone a stare meglio. Io sono vegetariana da 25 anni, ora sto diventando a poco a poco vegana. Sto iniziando a seguire le ricette di The China Study che sono abbastanza semplici e veloci. Mi riesce ancora difficile passare al crudo, sarà dura. Comunque va bene anche quello che sto facendo ora. Vorrei però che fosse chiarito una volta per tutte, se davvero l’alimentazione vegana è carente di vitamina B12, come spesso sento dire. Addirittura si raccomanda ai vegani di assumerla tramite un integratore. Che dici di questo?
    Ciao, Maria

  20. Salve a tutte/i,
    trovo questi articoli molto interessanti e utili,soprattutto per me che parto da una dieta onnivora!A breve leggerò “La dieta di Eva” e vi farò sapere come procede il mio percorso.Leggendo i commenti sulle quantità di frutta e verdura da ingerire,mi sono fatto un’idea sulle quantità “immense” di cui io avrei bisogno!Ci riuscirò?? 🙂 Intanto saluto Georgia e la ringrazio per la sua competenza e grandissima disponibilità!!!
    A presto.

    1. Ciao Francesco!
      facci sapere come procede! all’inizio può sembrare difficile ma stai sicuro che non lo è affatto!

      Un abbraccio!
      Georgia

  21. Ciaooo dovrò correre a comprarmi la “Dieta di eva”. Unica cosa che mi lascia perprlessa? Trovando alcune sue ricette online, mi sono imbattuta anche in soffritti d’olio, paste ben cotte..ma come???,mi sono chiesta, il crudismo, cibi vivi eccetera eccetera? Come si fa a mantenere il proprio peso così?
    Inoltre un’altra cosa che letteralmente mi sta facendo impazzire sono le combinazioni alimentari. A leggere Shelton c’é davvero da uscirne fuori di testa:riesce a farti sentire in colpa persino per come tagli la verdura (se la tagli..perché sarebbe sbagliato pure quello!). Inoltre io la maggior parte delle verdure le cuocevo/scottavo al vapore, per renderle più digeribili..Anche questo tra lui e valdo mi é stato abbastanza distrutto!!
    In ogni caso se avete consigli per una neo-vegana crudista MOOOLTO confusa, su come districarsi meglio in questo mondo…son ben accetti!!

    1. Ciao Viviana!
      lo stile alimentare che proponiamo sia io che Eva che Vaccaro ed altri è basato su un consumo di frutta e verdura crude a volonta fino a sera in cui c’è l’unico pasto cotto della giornata. il soffritto personalmente lo eivto come la peste così come l’olio!

      per quanto riguarda le combinazioni alimentari io seguo ben poche regole ma ognuno poi deve cercare le proprie. quelle fondamentali che seguo perchè mi sono trovata male facendo il contrario sono:
      1)evitare l’associazione di TROPPI GRASSI della frutta secca con la frutta dolce (es: noci e banane) anche perchè l’unione di grassi e zuccheri provoca un innalzamento degli zuccheri nel sague che bene non fa
      2) mangiare meloni e angurie da soli
      3) non mischiare TROPPA frutta acida con quella dolce e zuccherina.
      per il resto non noto particolari difficoltà e ti invito semplicemente a prendere nota di quello che avverti nel fare i vari miscugli.
      un abbraccio e a presto!
      Georgia

  22. Ciao
    ho avuto il piacere di conoscere EVA 1 anno fa, quando ero vegetariana da 1 mese e non bevevo latte da 1 anno per intolleranza, e il giorno stesso ho eliminato uova, tutti i latticini e quasi azzerato il miele.
    Mi ha affascinato il crudismo di cui non avevo mai sentito parlare prima ma adesso vorrei che facesse parte della mia dieta almeno per il 60-70%
    il sito Cron-o-meter è bellissimo perchè tra le mie paure c’era quella di non introdurre B12 e altri nutrienti e ho visto che in una giornata tipo li introduco abbastanza… anzi ho visto che introduco troppi zuccheri, sono buoni perchè sono della frutta ma resta sempre la paura di questa “famosa” candidosi intestinale.

    Vorrei chiederti, quindi, un consiglio visto che voglio passare al crudismo con un’alta percentuale di frutta ma non voglio incappare in questo problema intestinale; pensi sia meglio un passsaggio graduale o uno netto?

    1. Ciao marzia!
      ti consiglio il percorso che ho seguito io, ovvero un passaggio molto graduale, partendo dalla sostituzione della colazione e poi gradualmente verso il pranzo e se vorrai anche la cena!

      un abbraccio!
      Georgia

  23. Ciao Georgia,
    Sto per iniziare queste percorso vegano per dopo arrivare a crudista, pero voleva sapere si e meglio iniziare un paso alla volta così il corpo si abitua al cambiamento alimentario ed anche noi stessi oppure semplicemente cambiare direttamente. Non e la prima volta che provo a cambiare di alimentazione e sempre mi vengono mali di testa e qualche altro trambusto.
    Grazie mille

    1. ciao Eva!
      si il mio consiglio è iniziare molto per gradi, partendo dalla sostituzione della colazione, per poi proseguire, molto gradualmente verso il pranzo e se vorrai anche con la cena! 🙂

      un abbraccio!

      Georgia

  24. Buongiorno Giorgia,
    ho letto e sto rileggendo il tuo blog da giorni ormai.
    Io sono una onnivora al momento, 2 settimane fa per un piccolo blocco intestinale mi sono messa a cercare una soluzione “naturale” senza utilizzo di medicine e varie… e spulciando tra succhi, frullati e spremute di frutta mi sei apparsa tu.
    Non so se riuscirò realmente ad eliminare la carne dalla mia dieta ma sinceramente voglio provare a eliminarla al 99% (se vado dalla mamma a pranzo e disdegno la bistecchina poi mi fa la ramanzina).
    Amo l’idea della “dieta” fruttariana, adoro la frutta in generale e poi tra poco la stagione permetterà di trovarne di buona e saporita.
    Unico mio problema, sempre se posso chiamarlo così è il fatto che vivo da sola e la spesa di frutta e verdura ha dei prezzi notevolmente più alti rispetto alla norma.
    Hai qualche suggerimento sulla dieta per risparmiare un pochino? magari certi tipi di frutta e verdura ricchi ma a buon mercato?

    Grazie mille
    Elisabetta

  25. Ciaooo!!! bellissimo e interessantissimo! mi sono appena iscritta a cronometer sperando di riuscire a perdere qualche kilo di troppo e a monitorare tutte le calorie che assumo! io sono vegetariana praticamente dalla nascita (la carne l’ho mangiata perchè costretta sino ai 14 anni, se no smettevo anche prima), tendenzialmente ora sono vegana-crudista da quando ho seguito i 21 giorni con Aida eltanin … però non avendo nessuno accanto che mi possa consigliare nel modo giusto sto mettendo su un bel po di chiletti, facendo anche un lavoro sedentario … trovo qualche difficoltà a buttarli giu…… Ti ringrazio di cuore per la condivisione delle tue tesine e spero con il cuore.. di riuscire a raggiungere tutti i miei obbiettivi … so che seguendo i tuoi consigli ce la farò! grazie di cuore!

    1. Ciao Verdyana grazie mille per i complimenti!
      devi avere un pò di pazienza, la frutta è l’alimento per ceccellenza per l’uomo, insieme ad uno stile di vita sereno e il più possibile all’aria aperta….tu inizia a seguire questo schema dell’articolo e vedrai che col tempo tisentirai sempre meglio e riuscirai anche a buttare giù questi chiletti! ;P
      un abbraccio!
      Georgia

  26. Ciao Georgia! vedo che hai bandito l olio,perchè?…io non riesco (se hai soluzioni alternative sono ben accette) a mangiare l insalata senza un pochetto di extra vergine!..intanto ti saluto e ringrazio! 🙂

    1. Ciao Giusy!
      in realtà non l’ho proprio bandito perchè ogni tanto un goccio da qualche parte ci scappa ma non lo consumo tutti i giorni, perchè l’olio è solo grasso per di più raffinato e non serve a molto! molto meglio la frutta secca o l’avocado! presto farò un video anche su questo! 🙂

  27. Ciao,vorrei facessi un esempio della tua giornata tipo, di quello che intendi in quest’articolo…80-10-10
    Io sono vegana tendenzialmente crudista ma nn seguo questo schema,ho letto libri di Vaccaro,campbell,ehret,shelton,merien…ed ognuno ha la sua visione anche se in linea di massima il concetto è lo stesso,non ho letto nei tuoi articoli(forse mi è sfuggito),delle crisi eliminative che il corpo ha quando cambia stile di alimentazione…direi che è un passaggio importante se nn basilare per far capire cosa succede dentro quando ci andiamo a disintossicare!grazie e ciao enrica

  28. ciao Georgia
    son diventata vegana dalla mattina alla sera così in un batter di ciglia
    non ho fato gradualmente insomma, sono autodidatta come credo tutti voi 🙂
    ho comprato l’estrattore della Angel uno dei migliori e praticamente questo mi permette di ingerire si molta frutta e verdura però naturalmente quasi niente fibre….(adatta soprattutto per persone che hanno poco appetito ecc)
    ho comprato il libro e anche le ricette di Colin Campbell ho comprato anche lo Spilaizer per fare gli spaghetti di zucchine e carote…insomma ci sto mettendo tutta la buona volontà e sto bene con me stessa..
    Volevo chiederti che ho sempre la pancia gonfia …..e poi un’altra domanda ..comprando il libro (interessantissimo) di Robert Young sul Il Miracolo del PH alcalino e l’importanza di riportare il valore del PH nei livelli spiega come in pratica non si debba mangiare la frutta soprattutto per i malatii di tumore a me interessava appunto questo per via di mio padre (ho iniziato infatti tutto questo per lui) volevo un tuo parere grazie 🙂

  29. Ciao Giorgia, scusa il ritardo, mi sei molto simpatica e mi piace come scrivi. Sono stata crudista al 90% per 2 anni e mezzo e adesso, da 2 mesi circa lo sono al 100%. Purtroppo negli anni precedenti ho fatto da me in materia di alimentazione raw ed e’ stato un percorso bello da una parte, perché adoro la frutta, e pesante dall’altro perchè troppe fibre tutte in una volta mi disturbavano, comunque mangiavo molto poco rispetto agli standard che ho avuto modo di vedere su internet. Ah, dimenticavo, sono diventata crudista da un giorno all’altro, passando da carnivora convinta all’opposto, dopo che ho scoperto, grazie a uno dei miei scrittori preferiti, che i problemi di salute che avevo avuto erano stati provocati da quella dieta tanto osannata dai personal trainer… Comunque si’ ho mangiato tantissima frutta secca ogni giorno, ma adesso non più. Mi dispiace solo per quei buonissimi biscottini che si fanno con frutta secca e frutta essiccata, ma del resto c’e’ tanto altro di buono! Ps. sai se hanno intenzione di scrivere la versione italiana di 80-10-10 del Dr. Grahm? Spero presto di vedere miglioni e miglioni di crudisti, perchè le altre persone ti guardano come se fossi una marziana… Ma comunque le mie motivazioni sono più forti! E non me la sento certo di tornare indietro! Tanti baci e grazie per il pdf, veramente interessante!

  30. Ciao Giorgia, mi potresti spiegare la storia delle 30 banane al giorno? ps. io vivrei di gelato di banane ad ogni pasto! Lo adoro con la carruba, con i fichi secchi, con le more di gelso… Baci, grazie!

  31. Ciao Georgia ormai e` da marzo che ho iniziatoa mangiare come te e mi sento benissimo.Ho risolto molti fastidi pero’ non riesco a perdere peso.Mi e’stato detto di mangiare solo verdura alla sera perche a volte prima delle 20 non riesco a cenare,pero`non sempre ci riesco.Se hai dei consigli da darmi sono ben accetti.A presto Sabrina.

  32. Ciao Georgia, ho scoperto da poco il tuo sito attraverso i video che ho visto su Youtube.
    Ho iniziato il percorso da vegana da Luglio, ed ora sto cercando di passare al vegano crudista almeno per il 70%.
    Da questa settimana ho inserito gli smoothie con frutta e verdure a foglia verde e, devo ammettere che sono davvero sazianti e purificanti ! Inoltre sono una sana colazione o un pranzo leggero per chi, come me pranza in ufficio e la pausa è di una sola ora.
    Continuerò sicuramente a seguire i tuoi consigli !
    Leggerò anche “La dieta di Eva” come approfondimento anche se in 5 mesi ho già letto una dozzina di libri sull’alimentazione vegana !
    A presto.

  33. Salve Georgia, grazie ad un tuo video mi é ritornata la voglia di riprovare con l’alimentazione crudista. Ti trovo piena di energia e motivante. Fai un bel lavoro. Grazie!
    In passato ho vissuto alcuni anni da crudista vegana, basandomi sull’igenismo del Dr. Shelton americano. Poi sono ritornata sul cotto. Grazie a te vorrei riprovare. Io ho avuto enormi problemi con la fame nervosa, che ho combattuto da una vita. Attualmente sto facendo un digiuno per perdere dei chili superflui. Ben presto proveró con la tua dieta.
    Un saluto Antonietta

  34. Ciao Georgia, ho letto l’articolo e ho visto i video mito della frutta che non sazia 1 e 2. Hai ragione; non posso pretendere di riuscire subito a mangiare prevalentemente frutta. Da quando ho scoperto come fare il gelato di frutta, me lo faccio ogni mattina, lo preferisco alla frutta intera. Per ora a pranzo non desidero il sapore dolce, non riesco proprio a sentire il desiderio di frtutta a pranzo. Sento invece la voglia di “salato”e di verdure cotte. Forse è proprio una questione di tempo 🙂

    1. Ciao Matilde! in questo percorso è molto importante l’approccio iniziale, ovvero il non voler fare tutto e subito ma fare le cose con molta gradualità…se non ti va di mangiare frutta a pranzo, non devi forzarti, anche io a volte se non mi va a pranzo la mangio a cena, non esiste una regola fissa, l’imprtante è abituarci a consumare più frutta e poi verdura possibile dutrante l’arco della giornata, ma sempre ascoltando il nostro corpo, altrimenti avremo l’effetto contrario! 😉
      un abbraccio e a presto!

  35. ciao georgia innanzi tutto complimenti x quello ke fai sei davvero d grande aiuto specialmente x ki cm me si sta affacciando ora su questo mondo…. una domanda io sto cercando d avvicinarmi a questo stile di vita piu’ sano per me ma soprattutto x la mia piccola di 2 anni…solo ke ho scoperto da poco di essere incinta…vorrei sapere per le donne in attesa è consigliabile questa alimentazione o è meglio evitare verdura e frutta cruda?e come iniziare a cambiare dieta?

    1. Ciao Giuliana!
      allora per la tua piccola di 2 anni se ancora non è svezzata continua col latte materno finquando la piccola non si svezza, perchè quello è L’ALIMENTO MIGLIORE PER LORO PER ECCELLENZA!
      dopo lo svezzamento inzizi a fargli seguire una dieta ad elevato contenuto di carboidrati per avere una salute ottimale. Puoi farle seguire anche la rawtill4, anzi sarebbe l’ideale mangiare frutta insieme dutrante la giornata e poi cucinare insieme un bel pasto cotto a base di amidi e verdure.
      I frutti ideali sono cmq quelli dolci come banane e mango, che puoi farli consumRE anche sottoforma di frullati, per esempio banane e pesche o banane e frutti di bosco…
      poi poyete consumare insieme estratti per mantenerla sempre idratata e allo stesso tempo farle assimilare nutrienti, sali minerali, vitamine…
      Per quanto riguarda il pasto vegan cotto prova semplici verdure al vapore, incluedneod soprattutto quelle a foglia verde. Per quanto riguarda la parte amidacea che deve essere la maggior parte del pasto usa patate, riso, mais, quinoa, ecc. Le culture più sane della storia umana hanno basato la loro alimentazione e quella dei propri figli proprio su questo e sono sempre vissute a lungo.
      Per quanto riguarda le raccomandazioni caloriche, da anni 2 fino a circa 4-5 anni, la raccomandazione comune per le calorie per un bambino attivo è di circa 1400 / giorno. Da 5 anni fino a circa 12 un bambino sano dovrebbe assumere circa 2000 calorie al giorno. Una volta che il bambino raggiunge l’ adolescenza, si parte con la raccomandazione di 2500 calorie / giorno.
      E lascia stare tutte le stronzate sul fatto che i bambini vegan non possano crescere sani, perchè come ti ho già detto prima sono solo..stronzate! 🙂 La verità è che una dieta vegana ad alto cotentuo di carboidrati è l’ideale per un bambino in crescita. Ci sono una marea di prove che i bambini vegani vivono alla grande, e addirittura superano la salute dei bambini non vegani. I bambini con questo stile di vita si sviluppano bene fisicamente, mentalmente ed emotivamente; avranno tutti i nutrienti di cui hanno bisogno, e non dovranno subire tutti i danni che i cibi di orgien animale provocano. Avranno ossa forti, cuore sano, niente colesterolo, evitaranno il diabete di tipo-2, ecc…
      Per quanto riguarda le proteine, i bambini, come gli adulti, hanno un bisogno risicato. Il latte materno umano ha solo circa il 6% del totale delle calorie da proteine, e non c’è motivo di aumentare la quota proteica dopo lo svezzamento. Siamo naturalmente una specie a cui servono pochissime proteine nella dieta. I neonati hanno bisogno di un po ‘più grasso rispetto agli adulti, ma a questo ci pena il latte materno…:). Subito dopo lo svezzamento del bambino non c’è bisogno di provvedere a dare alimenti grassi al bambino perchè già ci pensano gli omega naturali (3 e 6) presenti in tutti gli alimenti vegetali. L’avocado resta cmq la forma di grasso ideale. L’unica cosa a cui fare attenzione è l’introito totale calorico: è di vitale importanza che un bambino riceva tutta l’energia che gli serve per sostenere la crescita. Se a un bambino gli si sta fornendola giusta quota calorica, riuscirà ad avere tutte le proteine, grassi, e vitamine / minerali di cui ha bisogno.

      VIT B12
      Gli unici nutrienti a cui fare attenzione sono la b12 e la vit D. Purtroppo la nostra società ne è affetta senza esclusioni, con circa il 40% delle persone (vegan o no) ad esserne carente. Per questo motivo è consigliabile assumere supplementi sublinguale B12 (per entrambi i genitori e bambino). Tutte le altre vitamine / minerali saranno forniti in abbondanza da una vegana dieta ricca di carboidrati, tra cui calcio, ferro, ecc.
      Per la vitamina D è fondamentale far passare al bambino un po’ di tempo al sole, con la pelle nuda e senza protezione solare, (nelle ore permesse ovviamente) al fine di fargli assumere la vitamina D e tutti gli altri benefici che il sole fornisce.

      DURANTE LA GRAVIDANZA:

      Mi hai chiesto se è possibile seguire questo regime durante la gravidanza ed io ti rispondo: CERTO CHE SIIIIIII!

      Questo stile di vita è basato sul mangiare una grande varietà di alimenti sani, nutrienti, energizzanti che sono idonei per la mamma ed il bambino in tutte le fasi. Ci sono in giro tanti vegani che hanno portato avanti gravidanze in completa traqnuillità, allattando al seno con latte in abbondanza, e che crescono bambini felici e sani. Inoltre, con questo stile di vita vai a evitare tutti gli effetti nocivi dei prodotti di origine animale ricchi di grassi.

      “Gli esperti concordano sul fatto che le donne in gravidanza possono prosperare con le diete vegan”. (PCRM).

      Durante la gravidanza

      Una delle poche raccomandazioni riguarda l’introito calorico. Studi scientifici, dicono che durante il primo trimestre si può restare alla quota calorica usuale, ( quindi circa 2500 calorie giornaliere), ma durante il secondo e terzo trimestre di gravidanza è importante aumentare la quota calorica: bisogna aggiungere un extra di 340 calorie per il secondo trimestre, e 450 (o più) di calorie per il terzo. Si stima che per crescere un bambino siano richieste 6000-8000 calorie. Quindi, per favore, carburatevi carburatevi e carbratevi a più non posso, no limits, ok? 🙂
      Usa cronometer per tenere traccia delle tue calorie https://cronometer.com/ pesando il cibo per essere sicura della quota calorica.

      E poi per il resto basta seguire i principi rawtill4 che puoi trovare nella mia guida gratuita in PDF scaricabile da qui: http://www.georgiapetrillo.it/risorse-gratuite/squeeze-ricettario/

      Lascia perdere tutte le menate sul fatto che devi aumnetare proteine e grassi durante la gravidanza, la percentuale rimane la stessa è solo la quota calotica che aumenta. Una dieta ricca di carboidrati, povera di proteine e grassi e ideale anche durante la gravidanza.

      Esercizio fisico: per quanto riguarda l’esercizio fisico è importante non strafare durante la gravidanza. se si è abituati a fare esercizio lo si può continuare fino a un certo livello fino al secondo trimestre…da lì in poi è meglio rilassarsi e fare attività come lo yoga durante la gravidanza. qui ti lascio un link ad un bel video: https://www.youtube.com/watch?v=0cKnStmV1dI

      Ricorda che il tuo bambino si svilupperà al memglio in un ambiente sano, rilassato, quindi durante la gravidanza meglio focalizzarsi su attività leggere di cardio, come le lunghe passeggiate, stretching leggero e saper riconsocere quando il corpo ha bisogno di riposo.

      E ‘possibile cmq avere carenze durante la gestazione quindi ti comsiglio cmq di rivolgerti al tuo medico/ginevcologo. . Ciò è particolarmente importante se stai seguendo da poco una dieta di questo tipo. in ogni caso ti consiglio quest’opuscolo che ti aiuterà ad avere delle linee guida da seguire:
      http://www.agireoraedizioni.org/materiali/gravidanza-vegan-opuscolo.pdf
      e questo libro del dott: shelton, noto medico igienista: http://www.nuovibambini.it/IMM/SHELTON-BambinieIgiene.pdf

      Spero di esserti stata utile e fammi sapere come procede…:)

      Ecco come potrebbe diventare il tuo pupo/pupa! 😉 https://www.youtube.com/watch?v=cshAnUtHC7E

      1. Rebecca Bertazzini

        Che delusione! Anche tu con sto stramaledetto supplemento sublinguale di b12! Ma io sto scegliendo il crudismo proprio perché non voglio questa merda! NIENTE INTEGRATORI VITAMINICI NELLA MIA DIETA!!!!!!!!!!!! Sono ASSOLUTAMENTE CONTRARIA!!!! E mi pare che anche gli igienisti come Graham siano contrari, io sto cercando altre soluzioni, anche Vaccaro è più che contrario! Quindi se hai dei consigli per evitare di prendere quella robaccia contro i miei principi sono tutta orecchi altrimenti niente da fare, che nessuno cerchi di convertirmi al sublinguale di b12 perché mi incavolo di brutto, finché si parla di integratori di enzimi, pribiotici, lievito, superfood in pastiglie o in polvere, mi può anche star bene ma la b12 PROPRIO NO!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Shares